Domande e curiosità
Eventi
Chi siamo
Home / Cultura & creatività / Immacolata Concezione
Immacolata Concezione
8 dicembre

Immacolata Concezione

L’8 dicembre si festeggia l’Immacolata Concezione. Si tratta di una festività cattolica, che celebra il concepimento immacolato (‘senza macchia’) della Vergine Maria, nata quindi priva del peccato originale. Venne introdotta nella liturgia cattolica da Pio IX nel 1854, con la bolla "Ineffabilis Deus". La data fu scelta poiché precede di nove mesi esatti la Natività di Maria, che cade l'8 settembre. 

Nel 1949 l’8 dicembre venne inserito nel calendario delle festività civili italiane, divenendo dunque una festa nazionale, in cui scuole, uffici e negozi restano chiusi.

Tradizionalmente, le famiglie italiane dedicano questo giorno ad addobbare la casa per il Natale, decorando l’albero e allestendo il presepe. 

Secondo la leggenda, l’albero di Natale nacque proprio qui in Germania, nel 1611, quando la Duchessa di Brieg fece portare nel suo castello un abete del giardino per decorare un angolo di una sala del castello rimasto privo di ornamenti. In ogni caso questa tradizione tipica dell’Europa del nord ha preso ben presto piede in Italia: nella seconda metà dell'Ottocento la regina Margherita addobbò un albero di Natale al Quirinale, dando vita ad una moda che si diffuse rapidamente in tutto il paese già prima del vero e proprio boom del  secondo dopoguerra.

Il presepe è invece una tradizione tipicamente italiana, dalle origini piuttosto antiche: il primo presepe vivente, secondo la tradizione, fu realizzato a Greccio la notte di Natale del 1223, quando San Francesco inscenò la nascita di Gesù a Betlemme, coinvolgendo pastori, contadini, frati e nobili nella rievocazione. Il primo presepe inanimato risale alle sculture lignee realizzate da Arnolfo di Cambio nel 1280: se ne conservano ancora oggi le statue nella cripta della Cappella Sistina di Santa Maria Maggiore in Roma. Durante l’Ottocento il presepe  iniziò ad essere costruito da ogni famiglia nella propria casa, riproducendo la scena della  Natività con statuine in gesso, terracotta, cartapesta e altri materiali per gli scenari.

Accanto alla tradizione degli addobbi natalizi, ci sono diversi festeggiamenti locali molto popolari: 

  • in molti paesini, soprattutto nel nord Italia e in Campania, si inaugurano i mercatini di Natale;
  • in alcune regioni del centro e del sud Italia, come l’Abruzzo, la Puglia e l’Umbria, si accendono i fuochi per strada e si preparano le tipiche frittelle, chiamate zeppole, sfincette o pettole, a seconda dei luoghi;
  • tradizionali e diffuse in vari luoghi d’Italia sono anche le processioni con la statua della Vergine per le vie del centro cittadino;
  • in Campania alla fine del pranzo dell’Immacolata si iniziano a mangiare i roccocò, biscotti alle mandorle a forma di ciambelle;
  • a Roma presso la colonna dell'Immacolata in piazza Mignanelli ogni anno, dal 1923, i vigili del fuoco offrono nelle prime ore del mattino una corona di fiori alla Madonna, per ricordare i 220 colleghi che innalzarono il monumento nel 1857. Dal 1958 anche il Papa presenzia regolarmente a questa cerimonia, cui fanno seguito poi l’Angelus di mezzogiorno in piazza San Pietro e la venerazione della statua della Vergine nel pomeriggio.
leggi di più...