Domande e curiosità
Eventi
Chi siamo
Home / Cultura & creatività / Il Natale del tavolo di lavoro
Il Natale del tavolo di lavoro
Il Natale del tavolo di lavoro

I ricordi del Natale del nostro tavolo di lavoro

"Feste natalizie. Una macchina carica di bagagli. Il lungo viaggio. A Messina il primo arancino. A Palermo tutti a casa di nonna. E quando dico tutti intendo tutti. Ad accoglierci zii e cugini. Baci e abbracci, 40 minuti di baci e abbracci, mentre le zie entravano e uscivano dalla cucina, gli zii in salone discutevano dei destini del paese e dei destini del Palermo (nel senso della squadra di calcio), noi, i piccoli, ci rincorrevamo per casa finché non venivamo richiamati all’ordine dalla nonna, che nel frattempo si era messa elegante per la cena. Pronto in tavola! Era quella la prima di una serie di cene e pranzi e ancora cene che si chiudevano il giorno della befana con la 'festa per i bambini'. Il 7 gennaio ci si rimetteva in macchina. A Messina l’ultimo arancino. Il lungo viaggio. A casa".

Salvatore Viola

"La scelta dell'albero di Natale, appuntamento doveroso e consueto con papà, e i miei fratelli. Mamma nel frattempo in casa a preparare delle bontà. Il 13 dicembre, per noi in casa iniziano i preparativi, gli addobi, ed in famiglia l'atmosfera è calda e armoniosa. Ricordo la vigilia di Natale e la Santa Messa con Don Giordano e Suor Rosaria. Gli incontri con amici e parenti, ma soprattutto, ricordo gli sguardi pieni d´amore e tanta armonia dei nostri genitori. Il Natale, sia nel piccolo cerchio della famiglia o in grande con nonni, zii e parenti è da sempre… un periodo pieno di calore ed intensità, un insieme di piccoli gesti, profumi, sguardi e di tant´altro, che resteranno sempre nel cuore, ieri, oggi ed in futuro".

Lucia Tochini

leggi di più...